FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Ministero della Salute 2019 tra indirizzo politico e amministrativo

La direttiva del Ministro costituisce un prezioso strumento per trasferire l'indirizzo politico al livello amministrativo.

Essa assume, all'inizio di una nuova legislatura e in un momento di profondo rinnovamento sociale, politico e istituzionale, nazionale e internazionale, un particolare rilievo, dando modo al Ministro di fornire, in maniera organica e coordinata, indicazioni circa le linee prioritarie d'azione dell'Amministrazione.

È appena stato celebrato il quarantesimo anniversario dell'istituzione del Servizio Sanitario Nazionale (SSN), fondamentale strumento di declinazione dei principi costituzionali, a partire dall'Articolo 32 che definisce la salute quale diritto fondamentale dei cittadini e al tempo stesso interesse della collettività.

Il SSN è un fondamentale esempio di democrazia applicata ma, nato in un'epoca profondamente diversa, necessita di una profonda, accurata manutenzione per adeguarlo al mutato contesto sociale, culturale, etico, epidemiologico, tecnologico, rispondendo alla sfida epocale che ci chiede di assicurare al tempo stesso l'universalità e la sostenibilità finanziaria e organizzativa.

Le linee di azione, le iniziative e le scadenze indicate nelle prossime pagine - per il corrente anno e, in prospettiva, per il prossimo triennio - sono finalizzate a questo duplice scopo e necessitano di un'interazione costante e responsabile delle strutture a cui la Direttiva è destinata con gli altri corpi, organi, istituzioni che del SSN fanno parte e che partecipano al raggiungimento dei risultati attesi, necessari per il progresso del Paese, in considerazione dell'ampia definizione di salute dettata dall'Organizzazione Mondiale della Sanità nel 1946 e ripresa nella Repubblica Italiana con l'opportuna modifica della denominazione di questo Ministero, che dal 2001 è denominato "della Salute".

La Direttiva è predisposta anche in coerenza con le Linee programmatiche presentate in Parlamento il 25 luglio 2018, esplicitando con maggiori dettagli gli impegni assunti in tale occasione, nonché le iniziative che l'Amministrazione intende mettere in campo per la loro attuazione.

Si tratta di temi fondamentali, quali la garanzia di erogazione omogenea dei Livelli essenziali di assistenza, l'equilibrio finanziario, la gestione dell'invecchiamento della popolazione, la prevenzione primaria, da garantire attraverso strumenti conoscitivi (anagrafi, monitoraggi, rapporti annuali) e meccanismi attuativi nuovi o che necessitano di ammodernamento (inclusa la formazione degli operatori), di interventi strutturali, per operare un'efficace governance (ad es. settore farmaceutico e dei dispositivi, Piani di rientro, etc.) in un quadro di sviluppo armonico che vede da una parte avviare, dopo molti anni, un potenziamento e adeguamento delle strutture ministeriali alle modificate esigenze e ai nuovi compiti che le investono, e dall'altro il riordino in atto delle grandi agenzie nazionali operanti nel settore sanitario (AGENAS, AIFA) e dell'Istituto superiore di sanità, attualmente in fase di riordino.

Per saperne di più:

» www.salute.gov.it/portale/ministro/p4_3_5.jsp?lingua=italiano&label=lineeProgrammatiche&menu=ministro

» Ministero della Salute: "Direttiva generale per l'attività amministartiva e la gestione -2019"

Inizio pagina