FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Asma e BPCO: indispensabile un monitoraggio integrato dei dati di aderenza terapeutica

19.03.2019

Molti adulti, in particolare quelli con malattie croniche, non assumono i farmaci prescritti.

Una scarsa aderenza all'uso dei farmaci inalati e il loro controllo è particolarmente comune tra i pazienti con asma e broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO).

Il venticinque per cento delle prime prescrizioni non vengono di norma dispensate, e per quanto riguarda il trattamento in corso, quando viene monitorato l'uso di un inalatore, si calcola che l'aderenza in media sia solo tra il 25% e il 50% della dose prescritta. Una scarsa aderenza dell'uso dell'inalatore è infatti associata a un inefficace controllo dei sintomi, aumento delle riacutizzazioni e rischio di morte. Una scarsa aderenza può essere intenzionale, non intenzionale o una combinazione di entrambi; ciascuno ha determinanti diversi. Rilevare un'adesione inadeguata al trattamento è quindi solo un punto di partenza, ma indispensabile.

Si possono per esempio considerare i seguenti scenari: un paziente con apnea ostruttiva del sonno segnala un peggioramento della sonnolenza. I dati scaricati dal dispositivo CPAP (continuous positive airway pressure) mostrano che l'uso di CPAP è diminuito. Il paziente spiega che l'ostruzione nasale causata dalla febbre da fieno ha impedito l'uso regolare di CPAP. Il medico prescrive corticosteroidi nasali con antistaminici e organizza la revisione del trattamento. Un altro paziente ha asma sintomatico nonostante abbia segnalato l'uso regolare di un controller a base di corticosteroidi inalati ad alte dosi. Il medico prende in considerazione un'escalation della terapia con prodotti biologici iniettabili.

Questi 2 esempi rivelano un importante paradosso cognitivo. Da un lato, sarebbe insolito per il paziente con apnea notturna ricevere un dispositivo CPAP senza monitoraggio di aderenza completamente integrato. I download dei dati di utilizzo sono infatti essenziali per la gestione clinica e utilizzati da alcuni pagatori per decidere l'idoneità per il trattamento in corso.

D'altra parte, l'approccio comune per il paziente con asma e BPCO è l'uso di dispositivi inalatori senza alcun monitoraggio di aderenza diverso da un contatore della dose, costringendo i medici a fare completo affidamento sui rapporti dei pazienti, che possono essere inaffidabili. Questo approccio obsoleto dovrebbe essere riconsiderato perché il monitoraggio integrato dell'aderenza è auspicabile, fattibile e realizzabile per i farmaci per inalatori.

I medici non dovrebbero più accettare l'attuale mancanza di monitoraggio dell'aderenza per i pazienti con asma e BPCO e dovrebbero incoraggiare le aziende farmaceutiche a correggere i dispositivi, considerare la scelta di sistemi inalatori con monitoraggio (a condizione che sia dimostrato il beneficio clinico e l'efficacia in termini di costi), richiedere all'industria di fornire una piattaforma dati compatibile comune e aspettarsi un'integrazione dei dati senza interruzioni con le cartelle cliniche elettroniche.

I ricercatori dovrebbero cercare di ampliare l'attuale comprensione delle ragioni per cui i pazienti non usano i loro farmaci come previsto e in che modo questa mancanza di adesione può essere affrontata con successo. Infine, medici e pazienti potrebbero trovare utile utilizzare i dati di aderenza come uno strumento chiave nella gestione della malattia delle vie aeree, proprio come è avvenuto nella gestione dell'apnea notturna.

» Jama: "Integrated AdherenceMonitoring for InhalerMedications"

Fonte: https://jamanetwork.com/

Vai all'archivio

Inizio pagina