FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Che modello nella valutazione dei progressi nel controllo del cancro?

03.09.2018

Quella del "controllo del cancro" è una disciplina che è iniziata nei primi anni del 1900.

Disciplina che ha inizialmente posto un'enfasi su diagnosi precoce (attraverso il tempestivo riconoscimento di segni e sintomi) e con un approccio chirurgico del trattamento della malattia. Divenne poi una disciplina scientifica formale negli anni '50 con il diffusione del test Papanicolaou e la scoperta del fatto che il tabacco provoca il cancro al polmone.

Oggi, il National Cancer Institute (NCI) definisce le attività di controllo del cancro per ridurre l'onere della malattia attraverso la diffusione e la consegna delle prove basate

su precisi interventi. Questi interventi possono concentrarsi sulla prevenzione, la diagnosi precoce, o le terapie.

Ci sono tre tipi di misurazione dei dati sulla popolazione che sono comunemente usati per valutare i progressi nei tassi di incidenza del controllo del cancro, tassi di sopravvivenza e tassi di mortalità. Tutti tre le metriche sono utili, ma, come misura unica del progresso, i tassi di mortalità sono quelli che danno maggiori informazioni.

I tassi di incidenza a livello di popolazione sono influenzati dai livelli di esposizione a fattori di rischio e di disponibilità e uso dei test di diagnosi precoce.

Infatti, programmi efficaci di screening possono portare a maggiori tassi di incidenza del cancro attraverso il rilevamento di casi prevalenti o riduzioni di incidenza quando il tumore ha una lesione precursore, curabile. L'introduzione e la diffusione di nuove tecniche diagnostiche come l'imaging influisce anche sui tassi di incidenza attraverso il rilevamento di tumori indolenti.

Le differenze nella prevalenza di screening e nella pratica di rilevazione nel tempo e tra i segmenti della popolazione possono quindi limitare l'interpretazione dei tassi di incidenza. L'aumento dei tassi di sopravvivenza, e in particolare i tassi di sopravvivenza a 5 anni, può indicare il progresso, ma questa metrica è similmente suscettibile di pregiudizi legati al rilevamento ed è comunemente fraintesa e abusata.

Poiché la mortalità o il tasso di mortalità per cancro sono meno influenzati dalle pratiche di rilevazione e riflettono il risultato complessivo della prevenzione, la diagnosi precoce, e il trattamento, una tendenza al ribasso in questa misura è la migliore indicazione del controllo del cancro.

» CA Cancer: "An Assessment of Progress in Cancer Control"

» CA Cancer: "Toward the Control of Cancer"

Vai all'archivio

Inizio pagina