FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Introduzione della genomica nella diagnostica prenatale: quali vantaggi?

25.02.2019

L'introduzione di nuove tecnologie presenta una serie di sfide uniche per i test genetici invasivi prenatali.

La fenotipizzazione clinica infatti è indiretta, molti tratti non possono essere valutati in utero e tempi di consegna rapidi dei referti sono cruciali.

Nei loro articoli su The Lancet, Jenny Lord e colleghi e Slavé Petrovski e colleghi esplorano il valore relativo del sequenziamento dell'intero esoma (WES) nella valutazione prenatale delle anomalie strutturali del feto. Questi studi avranno notevoli implicazioni traslazionali immediate; forniscono uno strumento per orientare l'interpretazione clinica di WES ed i parametri di riferimento cruciali per i la loro efficienza ed efficacia diagnostica: sia per gli utenti, che per i fornitori e gli erogatori di assistenza sanitaria.

Nonostante l'implementazione di questo metodo (WES) come approccio di primo livello, clinici e pazienti dovranno fare ancora i conti con alcuni punti ancora poco chiari, ma il sequenziamento dell'intero genoma promette di soppiantare i metodi precedenti perché può acquisire anche mutazioni puntiformi, non così come per le Copy-Number Variation (CNV) o per la ricerca di anomalie cromosomiche bilanciate in un singolo test.

Il metodo WES facilita la diagnosi genetica delle anomalie strutturali del feto, e consente previsioni più accurate della prognosi fetale e il rischio di recidiva nelle future gravidanze. Nonostante ciò, la rilevazione complessiva di varianti genetiche diagnostiche in una coorte prospetticamente accertata con un'ampia gamma di anomalie strutturali fetali, è inferiore a quella suggerita da precedenti studi su scala ridotta di un minor numero di fenotipi.

Tuttavia, fino al suo arrivo, per i test genetici di routine, è probabile che una combinazione di WES e metodi citogenetici molecolari rappresenterà l'approccio più completo. I dati di questi studi indicano che tale combinazione offrirà miglioramenti sostanziali nella precisione diagnostica e nella gestione clinica delle anomalie fetali.

» The Lancet: "Introduction of genomics into prenatal diagnostics"

» The Lancet: "Prenatal exome sequencing analysis in fetal structural anomalies detected by ultrasonography (PAGE): a cohort study"

Fonte: https://www.thelancet.com/

Vai all'archivio

Inizio pagina