FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

La salute dell’intestino: un innovativo metodo diagnostico

05.09.2018

Un'area di ricerca in rapida crescita in gastroenterologia è l'esplorazione nella correlazione tra i costituenti del gas del tratto gastrointestinale e la salute dell'individuo, la diversità microbica e il profilo dietetico.

Questi gas, che includono idrogeno, metano, diossido di carbonio e ossigeno, sono stati usati come biomarcatori nella prevenzione, diagnostica e guida per la risoluzione dei sintomi clinici. La produzione di gas all'interno l'intestino è derivato da tre fonti: (a) reazioni chimiche; (B) degradazione enzimatica del cibo; e (c) metabolismo microbico.

Una maggiore comprensione dei tipi di gas intestinali, delle loro concentrazioni e dove sono prodotti sono fondamentali nel collegarli correttamente allo stato di salute e a molti disturbi, oltre a provvedere ad una finestra sull'attività funzionale locale del microbiota intestinale.

Così lontano, le valutazioni del profilo del gas sono state effettuate mediante indagini con metodi indiretti come l'inserimento di cateteri, la calorimetria di tutto il corpo, test del respiro, misurazioni di flatus, analisi del gas delle feci in vitro e campionamento diretto dei gas prodotti.

Tuttavia, i test del respiro sono il metodo più comunemente adottato per misurare i gas intestinali nel contesto clinico, dove sono utilizzati per indagare, ad esempio malassorbimento di carboidrati o la crescita di piccoli batteri intestinali.

Un potenziale progresso nella migliore misurazione e localizzazione della produzione di gas nell'intestino è lo sviluppo di una capsula gas-sensing per uso umano in grado di misurare la concentrazione di idrogeno nell'intestino nel punto di produzione e che trasmettono dati metricamente.

Le capsule per il rilevamento del gas utilizzano componenti elettronici a basso costo dotati di un sensore di temperatura aggiuntivo e sono alloggiati in una capsula specifica che invia i dati ad un piccolo ricevitore tascabile. Informazioni sul la concentrazione di questi gas e le registrazioni delle temperature sono continuamente trasmesse in modo che il monitoraggio possa avvenire in tempo reale.

La capsula ha mostrato alta sensibilità e un rapporto ottimale segnale-rumore nella misurare le concentrazioni di idrogeno luminale, ha fornito informazioni sul sito di produzione del gas intestinale e ha dimostrato sicurezza e affidabilità. La capsula ha un potenziale per migliorare la precisione diagnostica per disturbi come la proliferazione batterica intestinale.

» The safety and sensitivity of a telemetric capsule to monitor gastrointestinal hydrogen production in vivo in healthy subjects: a pilot trial comparison to concurrent breath analysis

Vai all'archivio

Inizio pagina