FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Salute e diritti umani: difendere la Stampa libera e la tutela dei giornalisti

05.11.2018

Il 2 novembre segna la Giornata internazionale per porre fine all'impunità per i crimini contro i giornalisti. L'UNESCO ha registrato 1.010 uccisioni di giornalisti negli ultimi 12 anni. Nel 90% dei casi, gli assassini sono rimasti impuniti.

Il lavoro dei giornalisti in tutto il mondo offre una piattaforma vitale per discutere e per discutere della salute e del benessere delle popolazioni la cui condizione potrebbe altrimenti non arrivare all'attenzione internazionale.

La morte non è l'unico modo in cui i giornalisti sono messi a tacere - sono regolarmente intimiditi e spesso detenuti. Già quest'anno, The Lancet ha condannato la detenzione di Shahidul Alam per aver evidenziato l'incapacità del governo del Bangladesh di garantire la sicurezza stradale per i suoi cittadini. Il 2018 ha anche visto Wa Lone e Kyaw Soe Oo di Reuters condannati dopo aver riferito delle presunte uccisioni di dieci Rohingya per mano di soldati e abitanti di villaggi buddisti in Myanmar. I giornalisti rischiano la loro sicurezza personale per evidenziare come sia importante denunciare le atrocità nei confronti della salute e dei diritti umani.

La libertà di stampa in tutto il mondo è attualmente al suo punto più basso negli ultimi 13 anni. Il 2017 ha visto 73.000 persone classificarsi come giornalisti o editori, in calo rispetto agli 84.000 di appena un anno prima. Attualmente solo il 13% della popolazione mondiale ha una stampa libera. La libertà di stampa e la libera espressione sono inestricabilmente legate alla lotta per far progredire la salute di individui e popolazioni. Come possiamo vedere dai recenti episodi in Russia e Arabia Saudita per inventare narrative che possano spiegare le loro azioni illegali, è solo l'attenzione più ampia che può esercitare una pressione sufficiente sui governi affinché agiscano all'interno della legge e rispettino la salute ei diritti umani dei suoi cittadini. I giornalisti offrono un strumento chiave per applicare questa pressione.

Che il 2 novembre, quest'anno, segni un cambiamento nel modo in cui pensiamo ai giornalisti. Non è solo compito dei colleghi della stampa, degli avvocati e dei governi difendere i diritti dei giornalisti di tutto il mondo, ma anche i professionisti della salute e gli scienziati devono sostenere una stampa libera. Se speriamo in una migliore salute delle persone in tutto il mondo, dobbiamo difendere i diritti del meccanismo di monitoraggio internazionale, più ulteriore obiettivo che dobbiamo avere: una stampa libera.

» Message from Ms Audrey Azoulay, Director-General of UNESCO, on the occasion of International Day to End Impunity for Crimes against Journalists

» The Lancet: "Doctors and scientists must defend a free press"

Vai all'archivio

Inizio pagina