FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Apnee notturne per 6 milioni italiani: danno per la salute e sul lavoro

12.03.2018

La sindrome dell'apnea ostruttiva del sonno è una malattia clinica caratterizzata da frequenti pause nella respirazione durante il sonno, solitamente accompagnata da forte russamento. Queste pause interrompono l'apporto di ossigeno al corpo per alcuni secondi e bloccano la rimozione dell'anidride carbonica. Di conseguenza, il cervello ti sveglia per un attimo, riapre le vie respiratorie e riprende a respirare. Questo può accadere molte volte durante la notte e rende impossibile un sonno adeguato. Durante il giorno si possono verificare fenomeni di eccessiva sonnolenza diurna, difficoltà di concentrazione o mal di testa. Di notte, il russare è la caratteristica più comune.

Secondo un recente rapporto Oms, circa 17 milioni di persone muoiono prematuramente ogni anno proprio a causa di una epidemia globale di malattie croniche e il numero che continua a crescere.

Questo dato viene ampiamente confermato in un recentissimo studio durato due anni (2016-2017), sulla più ampia popolazione italiana mai studiata per questa patologia (11.000 autotrasportatori italiani maschi), scaturito da una collaborazione fra due Enti istituzionali, COMITATO MIT- Ministero delle Infrastrutture e Trasporti e DINOGMI - Dipartimento di Neuroscienze, Riabilitazione, Oftalmologia, Genetica e Scienze Materno-Infantili dell'Università degli Studi di Genova.

» ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/medicina/2018/03/06/apnee-notturne-per-6-milioni-italiani-danno-salute-e-lavoro_26e758eb-019d-4316-b42d-877c0b3573cb.html

» ITALIA SONNO 2018 Prevenzione dell'OSA: Guadagno in benessere e salute e Risparmio nella vita e sul lavoro

» ATTO AGGIUNTIVO ALLA CONVENZIONE (n.403 ATM/681 del 23 febbraio 2016)

Vai all'archivio

Inizio pagina