FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

L’autonomia informativa muta la relazione medico-paziente?

25.10.2018

Il rifiuto del paternalismo medico a favore del rispetto dell'autonomia del paziente ha trasformato la relazione medico-paziente.

Storicamente, la medicina e la società hanno aderito alla norma etica che il dovere principale del medico era di promuovere il benessere del paziente, anche a scapito dell'autonomia di quest'ultimo. Un'ipotesi centrale del modello paternalistico era che i medici, grazie alla loro esperienza clinica, sapessero meglio ciò che era nel migliore interesse dei pazienti. Di conseguenza, i medici hanno spesso deciso quali interventi avrebbero dovuto essere adottati per il benessere dei pazienti; mentre i pazienti, da parte loro, dovevano soltanto conformarsi.

Più recentemente a partire dai decenni trascorsi dagli anni '50 hanno visto un'enfasi crescente sui diritti dei pazienti, in particolare se accettare o rifiutare il trattamento raccomandato. Il rifiuto del paternalismo medico non ha tuttavia rovesciato il controllo dei medici nei rapporti con i loro pazienti. In teoria, i medici non potevano più prendere decisioni unilaterali sulla cura dei loro pazienti, ma in pratica conservavano l'autorità di gatekeeping in virtù del loro monopolio sulle informazioni mediche e sulla maggior parte delle risorse mediche. Questa caratterizzazione della relazione medico-paziente, con i pazienti che hanno il controllo delle loro decisioni mediche ma dipendenti dai loro medici per l'accesso alle informazioni e alla maggior parte dei prodotti e servizi medici, non è più così determinate. La medicina è entrata in una nuova era di autonomia del paziente. I pazienti di oggi, informati da Internet e dai social media, sono sempre meno dipendenti dai loro medici per l'accesso alle informazioni e alle risorse mediche. Questo cambiamento rivoluzionario richiede una comprensione fondamentalmente diversa della relazione paziente-medico.

» Jama: "The New Age of Patient Autonomy Implications for the Patient-Physician Relationship"

Vai all'archivio

Inizio pagina