FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Alcol: nessun livello di consumo migliora la salute!

10.09.2018

L'uso di alcol è un importante fattore di rischio per morte e disabilità, ma la sua associazione generale con la salute rimane complessa, considerati i possibili effetti protettivi del consumo moderato di alcol in alcune condizioni.

Con questo approccio globale alla contabilità sanitaria nell'ambito del: "Global Burden of Diseases, Injuries e Risk Factors Study 2016", sono state generate le migliori stime sull'uso di alcolici e sui decessi attribuibili all'alcol e sugli anni di vita disabili (DALY) per 195 località dal 1990 a 2016, per entrambi i sessi e per gruppi di età di 5 anni di età compresa tra 15 anni e 95 anni e oltre.

L'uso di alcol è dunque un importante fattore di rischio per il carico globale di malattie e provoca una sostanziale perdita di salute.

Si è infatti scoperto che il rischio di mortalità per tutte le cause e di cancro in particolare aumenta con l'aumento dei livelli di consumo e il livello di consumo che riduce al minimo la perdita di salute è pari a zero. Questi risultati suggeriscono che le politiche di controllo e prevenzione del consumo di alcol potrebbero dover essere riviste in tutto il mondo, rifocalizzandosi sugli sforzi per ridurre drasticamente il consumo complessivo a livello di popolazione.

Le conclusioni dello studio sono chiare e inequivocabili: l'alcol è un problema di salute globale enorme e piccole riduzioni dei danni correlati alla salute a bassi livelli di assunzione di alcol, sono superate dall'aumentato rischio di altri danni alla salute, incluso il cancro. Vi è un forte sostegno per la linea guida pubblicata recentemente dal Chief Medical Officer del Regno Unito che ha rilevato che non esiste "un livello sicuro di consumo di alcol".

I risultati inducono ulteriori implicazioni per le politiche di sanità pubblica e suggeriscono che le politiche di prevenzione che operano riducendo il consumo a livello di popolazione dovrebbero essere prioritarie.

» The Lancet: "Alcohol use and burden for 195 countries and territories, 1990-2016: a systematic analysis for the Global Burden of Disease Study 2016"

» UK Chief Medical Officers' Low Risk Drinking Guidelines

Vai all'archivio

Inizio pagina