FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Vaccinazione HPV: nuove prove di efficacia ed evidenze di effetto gregge

05.02.2019

L'infezione da papillomavirus umano (HPV) può causare verruche genitali e tumori.

Nelle donne, l'infezione da HPV può causare tumori cervicali, vaginali, vulvari, anali e orofaringei, mentre negli uomini l'infezione può causare tumori anali, penieni e orofaringei.

Il primo vaccino profilattico HPV, un vaccino a 4 valente che previene i ceppi HPV: -6, -11, -16 e -18, è stato autorizzato nel 2006 negli Stati Uniti. Un vaccino a Bi-valente che previene l'HPV per i ceppi: -16 e -18 è stato concesso in licenza nel 2009, ed è stato licenziato nel 2014un vaccino a 9 valenze che previene i ceppi HPV:-6, -11, -16, -18, -31, -33, -45, -52 e -58. Il vaccino a 9 valenze, l'unico vaccino disponibile negli Stati Uniti dalla fine del 2016, previene 5 ulteriori tipi di HPV oncogeni (-31, -33, -45, -52 e -58) e potrebbe prevenire il ~90% dei cancri cervicali.

Attraverso prove provenienti da diversi studi clinici, i ricercatori hanno dimostrato che tutti e 3 i vaccini contro l'HPV hanno un'efficacia elevata nella prevenzione delle infezioni e delle malattie causate dagli specifici tipi di infezione da HPV. Tuttavia, l'efficacia del vaccino nelle condizioni comunitarie potrebbe essere inferiore; alcune comunità di donne potrebbero essere state infettate con l'HPV prima della vaccinazione e potrebbero avere una minore compliance con la serie delle vaccinazioni necessarie o essere meno sane di quelle reclutate negli studi clinici. I ricercatori hanno dimostrato che dopo l'introduzione dei vaccini 2-valente e 4-valente, vi è una sostanziale riduzione della prevalenza di HPV e di condizione "precancer" nella situazione di vita concreta tra le donne che sono vaccinate, indicando la reale efficacia del vaccino . Stanno emergendo anche studi in cui la ricerca mostra una riduzione dell'HPV tra le donne non vaccinate, suggerendo il verificarsi di una protezione di gregge, ma i risultati non sono pienamente coerenti. La sorveglianza a lungo termine è essenziale per stabilire le tendenze nella prevalenza di HPV dopo l'introduzione del vaccino tra le donne vaccinate e le donne non vaccinate, per esaminare la prevalenza dell'HPV tra le donne più giovani che si trovano nella fascia di età target per la vaccinazione e per esaminare l'impatto del vaccino 9-valente dopo la sua introduzione del vaccino. Le valutazioni sull'efficacia del vaccino e la protezione dei gregge sono essenziali per guidare politica e promozione della salute pubblica, modelli di consulenza clinica, le raccomandazioni sulla vaccinazione e le raccomandazioni sullo screening del cancro cervicale.

» Pediatrics: "Human Papillomavirus Vaccine Effectiveness and Herd Protection in Young Women"

Vai all'archivio

Inizio pagina